mercoledì 4 novembre 2009

Kemono no Sou Ja Erin - Episodio 41

L'episodio in pillole: Erin viene invitata da Shin Ou a cena con lei ed il nipote Damiya per ringraziarla dei servigi resi durante l'assalto dei Touda e per chiederle di scortarla nella capitale con Lilan, una richiesta che Erin non può proprio esaudire...

Highlights: la morte di Shin Ou!

Giudizio: 10/10

Secondo episodio di rottura della serie, che dopo la morte drammatica di Soyon obbliga una già tormentata Erin, ancora vittima delle ombre di morte figlie della strage al Fiume Kazarumu, a fronteggiare una nuova e sconvolgente perdita: Shin Ou, la leale e nobile custode del potere di Holon e simbolo di unità per tutte le genti muore all'improvviso al termine della puntata causando un vuoto di potere nel quale - non ho dubbi - Damiya non esiterà a tessere il proprio piano di ascesa al trono. Caso vuole che la morte della sovrana sia giunta immediatamente dopo aver parlato con Erin e Iaru ed aver compreso la vera natura della casa reale ed i segreti di morte e violenza che ne stanno alla base, oltre che le bugie sulla sua natura divina...

E' trascorsa una settimana dall'attacco dei Touda alla flotta reale e la situazione è ora tornata alla normalità, tanto che l'imperatrice si è svegliata dal coma senza conseguenze fisiche particolarmente gravi. Per ringraziare Erin del suo intervento che ha salvato la vita di molte persone comprese la sua, Shin Ou invita la giovane professoressa a cena nelle stanze riservate di Kazarumu: al tavolo siedono solo la sovrana, il nipote ed Erin che viene subito omaggiata di un regalo per il coraggio dimostrato a cui fa seguito l'esternazione del vero motivo per cui è stata convocata... una richiesta formale di accompagnamento alla Capitale in sella a Lilan come scorta in caso di attacco dei Touda. Esaru aveva previsto tutto ed aveva messo in guardia Erin sulla necessità di non esporsi troppo con la famiglia imperiale e ora che tutti hanno visto le sue abilità con gli Ouju ne vogliono trarre beneficio. Con educazione ma con altrettanta fermezza, Erin rifiuta per ben 2 volte l'ordine di protezione e Damiya le spiega che questo rifiuto le costerà la vita... una conseguenza che Erin è ben conscia di dover fronteggiare assieme ai suoi superiori ma che tuttavia non le farà cambiare idea: decisa a capire perché sia disposta a tanto pur di non proteggerla, Harumiya interroga Erin sul perché della sua decisione ma la ragazza le chiede di far uscire tutti dalla stanza e di rimanere sola con lei ed Iaru per avere le risposte che cerca.

Sola con i due ragazzi, Harumiya chiede ad Erin di spiegarsi e la ragazza le domanda il perché del mantenimento in vigore di una legge, la direttiva Ouju, che obbliga gli animali a bere l'acqua speciale ed i loro padroni a controllarli col fischietto (elementi che ne limitano la capacità di volare e di riprodursi) nonostante abbia detto lei stessa che siano metodi barbari. Non capendo dove vuole andare a parare con questo discorso, Shin Ou non sà cosa rispondere ed Erin la incalza chiedendole se non sia forse la paura del ripetersi della tragedia di Afon-Noa e della Prima imperatrice Jem a far si che l'architettura della legge rimanga invariata. Ascoltando la storia di Erin sulla vera origine dei suoi antenati, criminali e non divinità, la sovrana ha un leggero mancamento ma viene subito tranquillizzata da Iaru che la sostiene e la invita a calmarsi per la sua salute ma la rabbia della donna verso il Psi-Gamul e le sue intenzioni sovversive esplodono all'improvviso ma Erin, con il dovuto rispetto, le spiega che nonostante l'affetto che provi per lei non ha intenzione di essere la possibile causa di una nuova Afon-Noa e per questo non metterà Lilan chiuso in una gabbia e farlo uscire solo per lottare ed uccidere: tuttavia, se questa decisione si rivelasse errata, Erin promette alla sovrana di offrirle la sua vita in sacrificio.Più tardi, sola con Iaru, la sovrana viene informata della possibilità che il Gran Duca non sia stato il responsabile degli attacchi e appena arriverà a corte promette di occuparsi personalmente della cosa (ignara che ne frattempo Seimiya ha restituito tutti i regali ricevuti negli anni dalla famiglia di Shunan). La mattina dopo, sulla via di Ohto, un'improvvisa emorragia cerebrale di cui nessuno sospettava l'avanzamento stronca la vita della sovrana e le speranze di Erin di vivere serena senza il peso della legge su di sé.

E ora, è caccia al colpevole. Al di là delle dichiarazioni di facciata è evidente che qualcuno abbia origliato la conversazione "privata" della notte prima ed abbia deciso di porre fine all'alleanza già precaria fra il Gran Duca e la famiglia reale dando il colpo di grazia che non si era riusciti ad ottenere con l'assalto alle navi e cogliendo l'occasione per incastrare nuovamente Erin che senza l'aiuto dell'imperatrice non ha più nessuno che possa lottare per l'abolizione di una legge per la quale rischia la vita a causa dell'ignoranza che dilaga nella nobiltà di corte. Dalla preview del 42° episodio, Seimiya sembra essere la prescelta per l'ascesa al trono ma Damiya non se ne resterà con le mani in mano e se sposare la nipote potrebbe risultare una scelta troppo azzardata, trovare un marito-burattino da metterle al fianco potrebbe essere il piano perfetto per iniziare la corrosione del sistema dalle fondamenta.

2 commenti:

Lo Lo ha detto...

University of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of JordanUniversity of Jordan
http://www.ju.edu.jo/home.aspx
University of Jordan
[url]http://www.ju.edu.jo[/url]

Lo Lo ha detto...

Jordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan UniversityJordan University
http://www.ju.edu.jo/home.aspx
Jordan University
[url]http://www.ju.edu.jo[/url]